l'aquilone domenicale

il sogno è una barca che si allontana lentamente
ingoiata dal sole del tramonto

la fuga è un labirinto di vicoli stretti
di pietra e calce bianca
di porte ritagliate nei muri bassi
di strade acciottolate piene della luce del riflesso delle case

la soglia è un portico sul mare azzurro
è l’aria dentro il tuffo nel mare immenso
è una chiesa antica piena di luce
è il numero felice che conosci e incontri nel passaggio



Storm Thorgerson
Cranberries, Wake Up and Smell the Coffee 


l’approdo è il sorriso nel volto dell’attesa
è l’acqua del mare che accarezza i tuoi piedi
è il momento in cui sapere altro fondamentalmente non ha importanza
è il posto giusto, lieve e leggero nel profondo
in cui l’animo assomiglia all’ aquilone nelle mani di te bambino

nell’aria dolce e gentile del risveglio nel mattino domenicale

un mondo sembra cantarmi

poi, all'improvviso, una scintilla
arriva sempre, come l’inverno
arriva nel tintinnio dei pensieri in velocità
urla forte come un bambino che corre nel nulla di un campo sconfinato
felice

la gioia non è nella sua luce ma nel riconoscerla, nella conferma del ritorno
la bravura è afferrarla mentre ti sorride 
in mezzo a mille volti e a mille voci
in mezzo al mare
per le strade
dentro le lenzuola
tra i cavalli incantati di una giostra
nelle luci dei lampioni
dentro il disegno di una nuvola
in un profumo

immagine tratta da _ il fantastico mondo di amelie


















non la follia, ma la vita
la vita ha molte voci
e quando accade che una di queste mi sussurra in un orecchio
un mondo sembra cantarmi

alla sera

la malinconia si fa dolce alla sera
la tristezza è un'isola ardita
e il silenzio un sale prezioso sui pensieri

solo s’accende l’animo di luci nuove
e s’accendono i porti sul mare
come sulle strade le finestre delle case

un valzer è un insieme di veli in successione
nel petto, in trasparenza
un pianoforte è l’intimità di un focolare
in una lacrima intatta


ora pure s’accendono i tuoi occhi
cosicchè i miei possono finalmente danzare

luna di dicembre

s’ alza la luna di dicembre
porta il peso di un anno intero 
dell’inverno e dell’ultimo sole

la luna dell’attesa e dell’avvento

luna doppia
luna matura
luna leggera

s’alza lentamente
rotolando grave
nel mezzo dei due volti
e sul mio

le valse d'amelie_yann tiersen

è una paillette la luna
la luce riflette sempre l'altro posto
l'altro viaggio, 
il desiderio di un disegno infinito
il desiderio senza colpe nè ragioni 
il desiderio dell'altro volto
Si è verificato un errore nel gadget